HOME

- Chi siamo
- La nostra storia
- Spiritualità

Evangelizzazione
- Iniziative
- Cellule
- Campo Oasi
- Spettacoli
- Adozioni a distanza

Altre Oasi
- India

Multimedia
- Foto
- Giornalino
- Calendario incontri
- Sfondi desktop

- Links

- AREA RISERVATA

LA PAROLA
DEL MESE

“CAMMINATE SECONDO
LO SPIRITO
E NON SARETE PORTATI
A SODDISFARE
I DESIDERI
DELLA CARNE"
(Gal. 5,16)

LA PAROLA
DEL MESE
GIOVANI

----------------------

CALENDARIO INCONTRI 2017

---------------------

Oasi della Gioia su Facebook

Semi di Vita

E' ONLINE
IL NUOVO
GIORNALINO 2016Giornalino 2015

Adozioni a distanza

Già da alcuni anni con il sostegno a distanza seguiamo vari bambini che, grazie all’aiuto di questi Benefattori, hanno la possibilità di studiare e di sperare in un futuro migliore. Attualmente i bambini che seguiamo sono soprattutto a Bangalore e a Mysore; presto avremo la possibilità di estendere questo sostegno a distanza anche a Ranchi.

Per sostenere un bambino sono necessari € 250,00 annuali (€ 25,00 mensili).

Rivolgersi a:
- Oasi della Gioia (indirizzo, tel., e-mail Comunità)
- Tiziana Mari via della Scaglia, 8 00053 Civitavecchia
cel. 328/9648864 (e-mail Comunità)
- Piera Pirone via Vicenza, 4 31100 Treviso
cel. 328/4047014 casa 0422/175859
e-mail: piera.pirone@libero.it

Bollettino postale della Comunità: c.c.p. 96841002 intestato a Comunità Mariana Missione Giovani (non deducibile).
Conto Corrente Bancario della Comunità: presso BANCA PROSSIMA, FILIALE 5000, intestato a Comunità Mariana Missione Giovani, IBAN: IT 60 M 03359 01600 100000000435 (non deducibile).

Per offerte deducibili (con i benefici fiscali previsti dalla legge) effettuare i versamenti su:
Bollettino postale 32858235 intestato a FRATELLO MIO ONLUS – MILANO, con causale COMUNITA’ MARIANA MISSIONE GIOVANI.
Conto Corrente Bancario: IT 10 B 02008 01775 000101245855 intestato a FRATELLO MIO ONLUS – MILANO con causale COMUNITA’ MARIANA MISSIONE GIOVANI.

Storia di una adozione a distanza

Maria Roopa

Finalmente il grande sogno si è avverato! Mio marito Elviro, mia figlia Eleonora ed io, domanica 6 luglio 2008, a Mysore in India, abbiamo incontrato e stretto fra le braccia la nostra dolce Roopa. E che gioia è stato per noi leggere nei suoi occhi la serenità di moglie e mamma felice! Il suo sguardo profondo e sincero è immediatamente entrato in sintonia con i nostri cuori facendoci da subito raccolgiere a piene mani, centuplicato, il frutto del nostro semplice dono. Roopa è entrata a far parte della nostra vita in maniera inaspettata: un lontano giorno del 1993, Teresina mi telefonò da Bangalore per raccontarmi di una spaurita e sofferente bimba indiana di circa 9 anni, abitante nello Slum con la sua povera famiglia: necessitava di cure mediche immediate.

Suore istituto

Mio marito ed io capimmo all’istante che era giunta l’ora di impegnarci in una adozione a distanza alla quale da tempo pensavamo. Da quel momento Roopa è diventata parte integrante del nostro nucleo famigliare che immediatamente dopo, inaspettatamente, vedeva realizzarsi, per volontà del Signore, un altro grande sogno: l’arrivo della nostra secondo genita Eleonora ( “sento che è un premio per il bene che fate a Roopa” mi confidò in un indimenticabile abbraccio mia sorella Franca ). Roopa ed Eleonora sono cresciute nella consapevolezza di essere “sorelle”: tutto ciò anche grazie allo scambio di notizie e foto che non è mai venuto meno. Infatti, già nel 1994 Padre Sergio e Teresina avevano affidato questa bambina alle cure delle Suore Orsoline dell’Istituto Jyothi Nilaya di Mysore, dove allora c’era una suora italiana: Suor Umbertina, ora già partita per il cielo. Fortemente legata alla sua terra di missione, con dedizione senza riserve, ha dedicato la sua vita all’accoglienza dei bambini bisognosi, e tra questi, alla nostra Roopa. Tramite Suor Umbertina abbiamo potuto seguire Roopa nei suoi studi e nella sua crescita, trepidando per le sue difficoltà formative, per i lutti avuti in famiglia, per l’incertezza di fronte alle scelte giovanili. A poco a poco il nostro legame con Roopa è diventato sempre più forte. Nel gennaio del 2007 Roopa si è sposata con un giovane cristiano: Anthony. Verso la fine del 2007 è nata loro una bella bambina: Rose Mary.

EleonoraRoopa ed Anthony ci hanno invitato ad andare in India per la celebrazione del Battesimo. Siamo andati ed è stata una emozione grandissima: Padre Sergio ha celebrato il Battesimo e mio marito ed io abbiamo fatto da padrino e madrina: una gioia indescrivibile. Tutto ciò fa ormai parte di una grande certezza di cui tutti noi siamo consapevoli:Padre Sergio e Teresina, Suor Umbertina e le suore della casa Jyothi Nilaya, la mia famiglia e quella di Roopa siamo stati strumento del Signore per realizzare un grande sogno.
Grazie Signore!

Maria Elena C.

 

 

 

 
Nelle foto
in alto: la famiglia di Maria Elena con Roopa, Anthony e la piccola Rose Mary.
al centro: con le suore dell’Istituto Jyothi Nilayadi Mysore e con la sorellina di Roopa.
in basso: Eleonora con la bambina da lei adotta